L'Italbasket non vuole smettere di sognare


E chi ci avrebbe creduto alla vigilia? Senza gli “americani” Bargnani e Gallinari, senza Hackett e dopo una serie di amichevoli estive poco convincenti.

Però l’Italia di Pianigiani ora è li, davanti a tutti al momento. L’unica squadra che nella prima fase degli Europei, ha vinto cinque partite su cinque. Russia, Turchia, Finlandia, Grecia e Svezia. Tutte battute, e ora l’Italia partirà nella seconda fase con un parziale di 2-0, il miglior del Gruppo F, quello degli azzurri.

Mancando i big, sembra che tutti gli altri abbiano cominciato a dare di più e, appena si è smesso di parlare degli assenti, l’Italia ha iniziato a giocare. Quello che ha impressionato finora, è la voglia e la capacità di lottare degli azzurri che, magari in partite diverse, sono diventati tutti protagonisti.

Nella prima partita con la Russia, il grande protagonista è stato Gigi Datome, 25 punti e una prestazione da leader, chiaro segnale che forse i Detroit Pistons non si sono sbagliati quando hanno deciso di portarlo in NBA. Nella seconda partita con la Turchia, è arrivata la conferma: Pietro Aradori segna 23 punti e l’Italia batte anche quella che era considerata la seconda squadra più forte del gruppo- dopo i russi. Nella terza partita con la Finlandia, l’Italia diventa “grande”, Andrea Cinciarini guida una super difesa e gli azzurri si impongono per 62-44, risultato che da la qualificazione matematica alla seconda fase. Le partite con la Grecia e la Svezia sono ulteriori conferme, e anche Gentile, Poeta, Melli e Belinelli si mettono in mostra, a conferma che la forza di questa squadra è davvero il gruppo.

Ora per l’Italia arriva un girone duro, a partire da stasera quando i ragazzi di Pianigiani affronteranno i padroni di casa della Slovenia, che hanno perso nella prima fase con la Croazia, ma hanno battuto la Spagna, grande favorita per la vittoria finale. Sabato sarà la volta della Croazia, per poi concludere lunedì con gli spagnoli. Gruppo non facile, ma dopo una prima fase così, sognare i quarti di finale è il minimo che si possa fare.

Se vuoi scommettere su Slovenia-Italia, clicca qui