5 cose che abbiamo capito guardando Stati Uniti-Germania 0-1


1. Klinsmann può tornare a casa senza problemi

Ieri, prima della partita, il quotidiano tedesco Bild ha messo una foto di Klinsmann con la dicitura:" Klinsi, heute siehst du Sterne!" (Klinsi, oggi potrai vedere le stelle!"). Dopo la partita però, possiamo dire che il tecnico degli USA potrà tornare a casa senza problemi, visto che non si è reso responsabile di far fare le valigie alla Nationalmannschaft...

2. Alla Germania manca Marco Reus

Non sembra così evidente ora, ma l'infortunio subito da Marco Reus al ginocchio nell'ultima amichevole di preparazione, potrebbe farsi sentire a breve. Miroslav Klose sta facendo il suo dovere, ma la capacità di muoversi ed andare a rete di Reus si farà sentire presto nella squadra tedesca. Quanto ancora Loew riuscirà a mascherare i suoi problemi con i gol di Thomas Muller?

3. Philipp Lahm a centrocampo non funziona

Nonostante la Germania abbia concluso in testa al girone, Joachim Loew dovrebbe riportare Philipp Lahm nella sua posizione naturale di esterno destro, con Howedes che andrebbe in panchina. A volte mettere Lahm a centrocampo ha funzionato, sia nel Bayern che nella Germania, ma sia contro il Ghana che contro gli Stati Uniti, è apparso fuori posizione e non ha lasciato il segno sulla partita. Sami Khedira non sarà uno dei giocatori più veloci e rapidi, ma a nostro avviso il centrocampo tedesco dovrebbe essere composto da Khedira, Schweisteiger e Kroos.

4. Non vorremmo incontrare Kyle Beckerman in una serata buia

Non solo per i capelli rasta e la faccia da duro, ma perchè sa bene come fare un tacke. Bastian Schweinsteiger se lo è trovato di fronte, e nel secondo tempo ha subito un duro tackle da parte del centrocampista statunitense. Il trio Beckerman-Jones-Bradley, sembra funzionare decisamente bene nel centrocampo degli USA.

5. Gli USA possono fare strada in questo torneo 

Non solo gli USA hanno il supporto di 300 milioni di statunitensi che sembrano aver scoperto all'improvviso il calcio ( o soccer, come lo chiamano loro), ma hanno anche una difesa- e un portiere- che non sono facile da superare. Ora negli ottavi gli americani se la vedranno con l'imbatutto Belgio, ma a noi questi Stati Uniti sembrano solidi come la Grecia dell'Europeo 2004. Fin dove potranno arrivare gli uomini di Klinsmann?