Arsenal-Manchester City: la sfida tattica vista da Jonathan Wilson


TEAM NEWS

L'Arsenal a centrocampo sarà senza Ozil, Ramsey, Wilshere, Diaby e Walcott, come in difesa non ci sarà Koscielny, che si è infortunato settimana scorsa contro il Chelsea. Gibbs e Oxlade Chamberlain saranno disponibili, visto che nessuno dei due è stato squalificato dopo lo scambio di persone nella partita di Stamford Bridge di sabato scorso. Nel City non ci saranno Richards e Nastasic, mentre torna disponibile Aguero, che molto prabibilmente partirà dalla panchina.

L'ultima volta

La sconfitta per 6-3 dell'Arsenal all'Etihad all'andata, sembra oggi la prima di una serie di goleade subite dai Gunners con le altre contendenti per il titolo, ma quel giorno sembrava una cosa diversa.

Nonostante il Manchester City riuscì a tenere il pallino del gioco, l'incontro è sembrato aperto almeno fino al 4-2 segnato da Navas. Nonostante già allora i Gunners sembravano fragili in difesa, l'Arsenal aveva dato l'idea di riuscire a reggere l'urto del City. Oggi sarà ancora più difficle per gli uomini di Wenger perchè, come ha fatto notare Mourinho, i Gunners soffrono le squadre che iniziano a costruire "da dietro".

L'assenza di Koscielny

La partnership fra Koscielny e Mertesacker, era stata uno dei motivi dei successi dell'Arsenal nella prima parte di stagione. I due hanno giocato assieme 24 partite per almeno 45 minuti, e in queste i Gunners hanno vinto 16 volte, con 4 pareggi e 4 sconfitte, concedendo 24 gol (comprsi però i sei subiti con il Chelsea, quando Koscielny è stato sostituito alla fine del primo tempo sul punteggio di 0-4) e riuscendo a non far subire reti al portiere per 11 partite. Con una coppia differente in difesa, L'Arsenal ha giocato 7 partite, con 3 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte (compresa la goleada subita in casa del City), concedendo 12 gol e mantenendo solo una volta la porta inviolata ( il 23 dicembre in casa contro il Chelsea). E' sempre difficile dar giudizi su un singolo episodio, ma il gol di Bony mercoledì  nell'infrasettimanale, difficilmente sarebbe stato subito con Koscielny in campo.

Il mistero Flamini

Quando l'Arsenal perse all'esordio per 3-1 con l'Aston Villa, i Gunners soffririno centralmente le incursioni di Agbonlahor e Delph. L'arrivo di Flamini ha permesso a Wenger di aver maggior copertura nella zona di campo davanti alla difesa ma, abbastanza inspiegabilmente, l'allenatore francese ha rinunciato ad utilizzarei il suo connazionale nelle partite con Bayern, Tottenham e Chelsea, passando dal 4-2-3-1 al 4-3-3, con Oxlade-Chamberlain e Cazorla ai fianchi di Arteta. Flamini è poi tornato mercoledì contro lo Swansea e con lui in campo per almeno 45 minuti, l'Arsenal ha vinto 7 volte, con 4 pareggi e 5 sconfitte. Oggi dovrebbe essere sicuramente della partita.

Equilibrati e compatti

Nella conferenza stampa, dopo il derby vinto per 3-0 con il Manchester United, Manuel Pellegrtini ha detto:" ho visto la squadra avere il giusto equilibrio, e giocare in maniera compatta", due aspetti che hanno reso orgoglioso l'allenatore cileno.

Il City è stato spesso criticato per la fase difensiva, ma questa squadra è riuscita a mantenere la porta inviolata per cinque partite consecutive per la prima volta dalla Seconda Guerra Mondiale. Fernandinho non è nato come centrocampista difensivo e anche allo Shakhtar giocava in posizione più avanzata, ma ora sta imparando meglio a fare anche la fase difensiva.

Nelle utlime tre partite, Pellegrini ha preferito non giocare con le due punte, a vantaggio di un centrocampo più solido. Contro l'Hull il City ha giocato con un 4-3-3, mentre sia contro il Fulham che contro lo United, Pellegrini ha utilizzato David Silva nel ruolo di trequartista, optando per un 4-2-3-1.

Verdetto

Nelle 11 sfide stagionali contro Chelsea, City e Liverpool, l'Arsenal ha vinto solo una volta, e oggi non dovrebbe andare meglio ai Gunners, nonostante in casa siano andati sempre piuttosto bene. Puntiamo su una vittoria del City a 2.10, con un over 2.5 della squadra ospite bancato a 3.90.

Se vuoi scommettere su Arsenal-Manchester City, clicca qui