Arsenal: oltre a Santi Cazorla non c'è di più.........


Il pubblico esce dall’Emirates cantando il nome di Santi Cazorla e al negozio ufficiale della squadra- dove come al solito c’è la fila in entrata- le sciarpe con i colori della bandiera spagnola vanno a ruba.

Ma oltre a Santi Cazorla, cosa si è visto nel match contro l’Aston Villa? Sinceramente molto poco. Una squadra abbastanza lenta e confusionaria che ha trovato un gol all’inizio e poi è riuscita e segnare nel finale contro un’ Aston Villa pronto a fare un altro giro nella categoria di sotto.

Wenger è apparso nervoso durante l’ultima settimana e non potrebbe essere altrimenti, visto che la squadra si avvia a completare l’ottavo anno senza lo straccio di un trofeo. Senza una misera Coppa di Lega- quest’anno ci ha pensato il Bradford City ad eliminare i Gunners- e senza la Coppa d’Inghilterra- anche qui è arrivata un’eliminazione con il Blackburn, club di Championship. Poi martedì scorso è arrivata la sconfitta più brutta, la più pesante, perché l’Arsenal è stato travolto in casa dal Bayern Monaco sul piano del gioco, proprio su quel terreno dove Wenger si è sempre nascosto negli ultimi anni, per giustificare l’assenza di vittorie. “ Certo Manchester United e Man City vincono, il Chelsea pure, ma se volete vedere il bel gioco dovete venire all’Emirates”. Ecco, la gente dell’Arsenal si è un po’ stufata di questa massima, il bel gioco non basta più. Parlando anche con alcuni tifosi prima del match con l’Aston Villa, è affiorato anche un senso di rassegnazione. Complimenti sinceri al Bayern e alla sua forza, con la convinzione che l’Arsenal non sarà mai più così.

Ora però c’è da salvare una stagione ( l’ennesima ) e cercare di conquistare quel terzo posto che garantirebbe la partecipazione diretta alla prossima Champions League. Poi bisognerà capire se sarà Wenger all’inizio della stagione 2013/14 a guidare ancora i Gunners, ma la maggior parte dei tifosi non si pone dubbi. In fondo Wenger è quello che ha trasformato l’Arsenal da un club noioso ( ricordate il “boring, boring Arsenal”?) ad un club di grido, di successo, diremmo anche di tendenza. Wenger è l’allenatore che ha vinto il campionato 2003/04 senza neanche una sconfitta. Il problema è che però ha smesso di vincere e dal 2005, l’Arsenal vive di piazzamenti.

Settimana prossima, prima del ritorno a Monaco di Baviera dove l’Arsenal dovrà cercare di salvare almeno la faccia, i Gunners giocheranno il derby di Londra nord contro il Tottenham. L’attesa oggi all’Emirates era tanta, speriamo che i tifosi non si accontentino ormai di una vittoria nella stracittadina per salvare la stagione……..