Calendario Serie A 2013/14: Juve, che partenza!


E’ stato sorteggiato ieri sera nella sede di Sky a Milano, il calendario della prossima Serie A 2013/14 e come da tradizione, si sono scatenati i commenti di dirigenti e tifosi che, dal classico “ tanto prima o poi dovremo affrontarle tutte”, a chi si è lamentato per il famoso “ciclo di fuoco” magari in corrispondenza di una partita di coppa, non è mancato nulla, quantomeno quest’anno nessuno se ne è andato in scooter insultando la platea.

L’unica cosa su cui però tutti sono concordi, è che la Juventus campione d’Italia, avrà una partenza obiettivamente difficile. Sembra quasi che il calendario si sia divertito:” sei la più forte e sul mercato hai ampliato il distacco dalle tue avversarie? Ecco, per ora beccati questo calendario!” La Sampdoria in trasferta alla prima giornata, la Lazio in casa alla seconda e l’Inter a San Siro alla terza, non può certo essere liquidato come un inizio soft (nel mezzo ci sarà anche la sosta per le nazionali e una partita di Champions). Conte si sa, è uomo che si esalta nelle difficoltà e ieri Marotta, in un commento post sorteggio, ha sottolineato:” è la prima volta in tre anni che abbiamo un sorteggio così difficile, ma siamo uomini di calcio, sappiamo che è una cosa che può capitare”.

Le milanesi non possono lamentarsi, anche se il Milan inizierà il campionato nella “fatal Verona” ( a cavallo del preliminare Champions) poi avrà Cagliari in casa, Torino fuori, il big match con il Napoli alla quarta, e poi Bologna e Sampdoria, prima della Juventus e del secondo stop per la nazionale. Il derby arriva alla 17°, sotto Natale. Galliani ieri ha detto di non ricordarne uno in quel periodo, ma a memoria- e senza consultare almanacchi- ce ne vengono in mente subito due: quello del 2007, vinto dall’Inter per 2-1 e deciso da una clamorosa papera di Dida su tiro di Cambiasso e quello del 1987, quando Riccardo Ferri, spaventato da un Gullit straripante, infilò la sua porta e consegnò la vittoria al Milan per 1-0.

I nerazzurri iniziano in casa con il Genoa, prima di andare a Catania e di affrontare la Juve nel derby d’Italia. Poi Sassuolo, Fiorentina, Cagliari e Roma. Mazzarri dovrà arrivare all’inizio del campionato con una squadra con un’identità già precisa, anche perché le insidie non mancheranno.

Come detto da più parti, questo sarà il campionato dei derby. Il primo addirittura alla 3° giornata, quando andrà in scena il derby della Lanterna. Una settimana dopo, sarà Roma-Lazio, mentre il 29 settembre andrà in scena il derby della Mole. Per quello di Verona bisognerà aspettare il 24 novembre, per quello di Milano- come detto- addirittura il Natale.

Il nuovo Napoli di Benitez parte in casa col Bologna, prima di andare a Verona col Chievo (bestia nera dei partenopei), di affrontare in casa l’Atalanta e di far visita a Milano al Milan il 22 settembre.

La Fiorentina esordirà in casa con il Catania e avrà il primo big match con l’Inter alla 5°, mentre la Lazio debutta in casa con l’Udinese e la Roma va a Livorno.

Ultima curiosità riguardante il neopromosso e novità assoluta per la Serie A, Sassuolo: alla prima giocherà a Torino coi granata (coi quali si è scontrato spesso in Serie B) e poi affronterà le altre due neopromosse, Livorno e Verona. Per avere il primo “vero” assaggio di Serie A, dovrà aspettare il 22 settembre, quando alla Mapei Arena arriverà l’Inter.