Chelsea-Liverpool: la sfida tattica


La partita di domenica che avrà inizio alle 17.00 italiane, vede di fronte due squadre in lotta per il titolo, e nessuna delle due può permettersi di perdere.

Il Liverpool infatti dovrà rifarsi dopo aver perso di misura all'Etihad con il Manchester City, mentre il Chelsea non ha convinto nessuno nella vittoria di misura per 1-0 con lo Swansea.

Probabili formazioni

Il Chelsea, per aver ragione dello Swansea, è dovuto passare al 4-2-3-1, ma, come nella partita con l'Arsenal, ci aspettiamo che Mourinho aspetti il Liverpool con un più difensivo 4-3-3.

Il Liverpool schiererà la stessa squdra dell'Etihad, quindi un 4-3-3, o fose sarebbe meglio dire un 4-3-2-1. Suarez, Coutinho e Sterling partiranno ancora tutti titolari in attacco, ma con Gerrard che è ancora fuori per infortunio, le opzioni d'attacco di Rodgers saranno limitate.

Il pragmatismo del Chelsea

Contro l'Arsenal, il Chelsea ha usato un approccio molto pragmatico. Nelle ultime settimane, la squadra ha concesso troppo agli avversari, e per questa ragione, Mourinho opterà per un 4-3-3 o addirittura un 4-5-1. Si sa che il Liverpool predilige giocare all'attacco, così che Mourinho non si farà certo sorprendere. Nel grafico sotto, possiamo vedere quelle che sono state le posizioni medie dei giocatori del Chelsea nella partita contro l'Arsenal:

 

I tre centrocampisti del Chelsea (12, 7 e 8), sono tutti molto vicini, mentre Hazard (17), ha giocato in un ruolo molto difensivo. I difensori a loro volta, sono stati molto bassi, come anche Azpilicueta (28), che ha limitato le sue avanzate in attacco. Il Chelsea predilige quindi aspettare e ripartire in contropiede, ed è quello che farà anche in questa partita con il Liverpool.

Solo tre club in tutta la Premier League fanno più possesso palla del Liverpool di Rodgers, così che i Blues aspetteranno gli avversari e cercheranno di ripartire soprattutto con Hazard, che cercherà di inserirsi nelle maglie del Liverpool. I difensori dei Reds potrebbero avere poca copertura da attaccanti e centrocampisti ed è li che Mourinho cercherà di colpire.

L'uso delle fasce

L'uso delle fasce sarà vitale per entrambe le squadre. Il Chelsea di solito fa avanzare gli esterni di difesa, ma se Mourinho opterà per il 4-3-3, Azpilicueta limiterà le sue avanzate, e saranno Oscar e Hazard che partendo larghi, cercheranno di tagliare al centro e rendersi pericolosi.

Il Liverpool adotterà una strategia diversa. Rodgers come al solito chiederà agli esterni di difesa di avanzare, ma sarà come al solito Suarez, che partirà come attaccante centrale, che potrebbe creare più problemi alla linea difensiva del Chelsea. L'uruguaiano è molto bravo a giocare fra i laterali e i centrali di difesa avversari, che saranno chiamati a un grande lavoro di coordimanento, altrimenti potrebbero farsi trovare sblinciati o fuori posizione, per colpa del movimento di Suarez.

Conclusione

Il Chelsea lascerà il controllo del gioco al Liverpool, e con il 4-3-3, cercherà di massimizzare l'efficacia delle sue ripartenze. Il Liverpool invece avrà più controllo della palla e, visto che ha molta qualità in squadra, potrebbe mettere in difficoltà i Bules se quest'ultimi giocheranno troppo arretrati, trovando quindi difficoltà a ripartire in contropiede.

Se vuoi scommettere su Chelsea-Liverpool, clicca qui