Come alcuni acquisti sbagliati hanno penalizzato il Barcellona


Qualcosa si è rotto al Barcellona, ma non riguarda la “cantera”. La sconfitta subita a San Siro contro il Milan negli ottavi di finale di Champions League, in seguito poi alla “remuntada” avvenuta al Camp Nou, non ha lasciato i segni che avrebbe potuto lasciare, ma aveva dato delle chiare avvisaglie che qualcosa si era rotto.

Molte volte in questi anni, il Barca è stato così bello che non abbiamo considerato i dettagli. Contro il Bayern però, il risveglio è stato durissimo, e in questo caso i segnali sono stati impossibili da ignorare.

Dopo la sconfitta nella partita di andata in Germania, le reazioni in Spagna sono state abbastanza misurate e nessuno ha parlato in maniera aperta di un cambio di uomini o mentalità. Anzi, si è sottolineato come qualche prodotto della cantera come Bartra, pian piano si sta inserendo in squadra, anche se il giovane barcelonista a Monaco è stato travolto assieme ai compagni.

Quello che però è sotto esame, è la campagna trasferimenti del Barcellona. “€300M spesi per due titolari in campo”, questo diceva la prima pagina di Marca il giovedì dopo la debacle di Monaco, sottolineando che tutti i soldi spesi dal direttore sportivo Andoni Zubizarreta, sono valsi solo per due titolari in campo: Jordi Alba e Mascherano. Nello stesso periodo però, sono stati acquistati anche Villa, Fabregas e Adriano, che però non partono mai fra i titolari.

I soldi quindi sono stati spesi, ma male. Sempre Marca, la scorsa settimana faceva un paragone proprio con il Bayern Monaco, che ha speso €200M per avere però in campo sei nuovi acquisti nel match vinto contro il Barcellona.

 Ovviamente questo discorso non riguarda solo Zubizarreta, perchè nel recente passato, l’ex direttore sportive Txiki Begiristain aveva acquistato Chygrynskiy, Ibrahimovic e Keirrison, tutti considerate dei flop in Blaugrana.

“Le cose però non sono migliorate con Zubizarreta. Sanchez e Song non hanno dato al Barcellona il contributo che si sperava”, sempre nelle parole di Marca ed è difficile non essere d’accordo su questo punto.

Molti giornalisti, in questi giorni hanno detto che il Barca avrebbe dovuto comprare Javi Martinez al posto di Song. Il centrocampista, ora al Bayern Monaco, ha giocato due eccellenti partite contro Messi e soci, e tatticamente sarebbe stato perfetto per Vilanova. Un centrocampista con buon fisico, ma dotato di ottima tecnica, che nel caso può essere utilizzato anche in una difesa a tre. Ora però sarà impossibile prenderlo, come il Barca attuale non può competere con il PSG, nel tentativo magari di strappargli Thiago Silva.

Quello che è certo però, è che la Masia sta continuando e continuerà a sfornare talenti, ma ora non basta. In questo momento il Barcellona deve anche investire, se vuole dare in mano a Vilanova una squadra ancora competitiva.