Dopo lo scudetto, ora Conte vuole il record di punti


La Juventus sta preparando la festa. Domenica pomeriggio con il Palermo infatti, basta un punto e i bianconeri potranno celebrare il loro 29° scudetto, il secondo consecutivo dell’era Conte.

All’allenatore bianconero però, ciò non basta e per sua stessa ammissione, ha dichiarato di voler spremere i suoi giocatori fino all’ultimo minuto dell’ultima giornata di campionato. Oltre allo scudetto infatti, c’ anche un record da superare, quello dei 91 punti fatti a fine campionato dalla Juventus di Fabio Capello, al termine della stagione 2005/06.

Quell’annata si concluse poi con Calciopoli e quel campionato venne riassegnato a tavolino all’Inter, ma sul campo, una squadra che poteva annoverare giocatori come Buffon, Del Piero, Vieira, Ibrahimovic e Trezeguet, solo per nominarne alcuni, riuscì da accumulare quei punti, che valsero una scudetto vinto in volata sul Milan proprio all’ultima giornata.

Da quando nella stagione 2004/05 sono state reintrodotte le 20 squadre in Serie A, il record di punti appartiene all’Inter della stagione 2006/07, che assommò 97 punti in 38 giornate, lasciandone per strada solo 17. Un’impresa mostruosa, fatta però in una stagione particolare, con la Juventus in Serie B e il Milan che, con Lazio e Fiorentina, era partito penalizzato all’inizio della stagione.

Alla stessa Inter 2009/10 (quella del Triplete) e al Milan 2010/11, “bastarono” invece 82 punti per aggiudicarsi il titolo, mentre l’anno scorso, la prima Juve di Conte, toccò quota 84.

Impresa difficile ma non impossibile per la Juventus di quest’anno. Ciò che conterà, saranno le motivazioni, ma sappiamo bene che Antonio Conte non vuole perdere nemmeno le amichevoli e chiederà massimo impegno e dedizione a tutti fino alla fine. Il calendario probabilmente favorisce i bianconeri, visto che da qui alla fine, dovranno affrontare solo una squadra che ha un chiaro obiettivo davanti a se.

Si tratta proprio del Palermo, avversario di domenica, ma difficilmente la Juventus vorrà festeggiare lo scudetto, nel proprio stadio, con una sconfitta. Dopo, partite più tranquille, contro l’Atalanta a Bergamo, il Cagliari in casa e la Sampdoria a Genova all’ultima giornata.

Qualche juventino sembra piuttosto spremuto dalla stagione, e infatti nelle ultime partite abbiamo visto giocatori cardine come Marchisio, Pirlo e Vucinic, giocare al di sotto dei loro livelli standard, ma sarà anche qui che Conte apporterà i giusti accorgimenti, dando spazio a Matri, Quagliarella, Giovinco, Giaccherini, De Ceglie, e tutti quelli che sono in attesa di mettere ancora una firma decisiva su questo strameritatissimo scudetto.