I peggiori 11 che abbiamo visto finora ai Mondiali in Brasile


Finora in Brasile abbiamo visto un calcio d'attacco. Purtroppo siamo quasi arrivati alla fine della competizione, ed è arrivato il monento di stilare dei bilanci.

Io però partirei da chi finora ha deluso, stilando proprio una squadra dei peggiori 11 a Brasile 2014...

 

Igor Akinfeev (Russia)

E' stato finora un grande Mondiale per i portieri, ma un paio di loro non hanno partecipato alla festa. Il russo Akinfeev, è uno di questi. Ha subito finora il gol più comico ai Mondiali, lasciandosi sfuggire dalle mani un tiro piuttosto innocuo del coreano Lee Keun Ho. Non è bastato questo, perchè Akinfeev ha anche sbagliato completamente il tempo dell'uscita nella partita decisiva contro l'Algeria, errore che ha permesso a Islam Slimani di segnare il gol che è vlso la qualificazione alla squadra africana.

 

Dani Alves (Brasile)

Ok, il Brasile è ancora in corsa per il titolo mondiale, ma per un giocatore della classe di Dani Alves, ciò che ha mostrato finora in questo torneo è stato deludente. Da un punto di vista prettamente difensivo, è sembrato uno dei punti deboli del Brasile.

 

Gerard Pique (Spagna)

Dopo la prestazione disastrosa con la Spagna, non l'abbiamo più visto in campo. Vicente Del Bosque ha preferito toglierlo dai titolari, e questa è stata un sorpresa se consideriamo la fama che circonda il giocatore. La sua unica consolazione? Che ora starà passando le vacanze estive con la moglie Shakira...

 

Pepe (Portogallo)

Non è stato un grande Mondiale per i difensori della Liga, e Pepe è un altro di quelli che vorrà dimenticare presto questo torneo. Il suo Mondiale è stato segnato dalla prima partita con la Germania, quando, in seguito a una testata a Thomas Muller, è stato espulso lasciando i suoi in dieci per più di un tempo.

 

Benoit Assou-Ekotto (Camerun)

L'esterno sinistro del Tottenham, prima aveva detto di non voler giocare per la Francia perchè quando i transalpini perdono "incominciano a prendersela con il fatto che in squadra ci sono troppi neri e troppi musulmani", poi ha dato una testata al suo compagno di squadra Bejamin Moukandjo nella partita con la Croazia. Un torneo da dimenticare...

 

Steven Gerrard (Inghilterra)

L'uscita di scena di Steve G dalla nazionale, non è andata proprio come lui se la sarebbe aspettata. Dopo l'assist a Sturridge per il gol contro l'Italia, il capitano ha commesso due errori decisivi contro l'Uruguay che sono costati la sconfitta e l'eliminazione.

 

Alex Song (Camerun)

Cosa è successo all'ex giocatore dell'Arsenal? Da quando ha lasciato i Gunners ed è passato al Barcellona, la sua carriera sembra aver preso una parabola discendente. In un Mondiale molto negativo per il Camerun, Song ha finito col dare un pugno sulla schiena a Mandzukic. Pena, l'inevitabile espulsione.

 

Xabi Alonso (Spagna)

Il centrocampista spagnolo è sempre stato uno dei miei giocatori preferiti, e anche nel Real Madrid qust'anno ha fatto molto bene, ma al Mondiale è sembrato un giocatore sul viale del tramonto. Alonso è andato in difficoltà contro il centrocampo di Cile e Olanda ed è apparso un giocatore di poco valore. Cosa che invece non è assolutamente.

 

Fred (Brasile)

Indicato come possibile vincitore della Scarpa d'oro all'inizio del torneo, Fred è apparso finora svogliato e spesso fuori dal gioco. Luiz Felipe Scoalri lo adora e gli darà ancora fiducia, ma Fred deve darsi una svegliata.

 

Gonzalo Higuain (Argentina)

Il centravanti del Napoli è un giocatore eccezionale, ma in quattro partite in Brasile, non lo abbiamo ancora visto. Forse penalizzato dalla centralità nel gioco che ha Messi per l'Argentina, Higuain è sembrato comunque al di sotto dei suoi standard abituali. C'è ancora tempo per lui per rifarsi, a partire dal quarto di finale contro il Belgio.

 

Luis Suarez (Uruguay)

Dopo il morso dato a Chiellini, Suarez deve ritenersi fortunato di non aver subito una squalifica ancora più lunga (considerando la recidiva). In un mondiale così bello, il morso di Suarez è stato finora una delle cose più brutte che abbiamo visto.