Italia-Spagna: la battaglia tattica


Italia e Spagna si affrontano stasera a Gerusalemme, per la finale dell'Europeo Under 21. Gli spagnoli sono dati favoriti a 1.72, mentre una vittoria dell'Italia, pagherebbe a 4.80.

Devis Mangia schiererà i suoi con l'usuale 4-4-2, mentre Lopetegui, seguendo la tradizione del calcio spagnolo, opta per il 4-2-3-1 e sul possesso palla.

 

Il 4-4-2 è il modulo classico dell'Under 21 di Mangia, e stasera verrà confermata la formazione che ha battuto l'Olanda in semifinale. Immobile e Borini partiranno titolari in attacco, ma Gabbiadini è pronto a subentrare a partita in corso.

Nel 4-2-3-1 di Lopetegui, dovrebbe giocare Rodrigo come unica punta e non Morata, che partirà almeno inizialmente dalla panchina.

Il ruolo di Insigne

Il fantasista del Napoli, parte largo sulla sinistra, ma ha licenza di accentrarsi, per dare sostegno e assistenza sia a Immobile che a Borini. Il suo movimento è importante per il gioco di Mangia, visto che Insigne può dare imprevedibilità e qualità al gioco azzurro. Il gol vittoria contro l’Olanda in semifinale, ne è un esempio: Insigne si accentra partendo da sinistra e fornisce un assist a Borini che, superato il difensore centrale, insacca alle spalle del portiere.

La Spagna ruota attorno a Thiago Alcàntara

Il figlio di Mazinho ha un ruolo centrale nel gioco degli spagnoli. Si pone sulla linea dei trequartisti ed è il primo ad attivare Tello e Isco sulle fasce, e dare assistenza a Rodrigo o Morata in attacco. Difficilmente l’Italia presserà gli spagnoli ai limiti della loro area, ma verrà creata una “gabbia” attorno a Thaigo Alcàntara, per impedirgli di ragionare e fare gioco. In questo, sarà fondamentale il lavoro di Verratti e Fausto Rossi.

Verratti deve imporsi al centro del campo

Il centrocampista del Paris Saint Germain è apparso molto nervoso contro l’Olanda, rischiando anche di essere espulso. Verratti dovrà cercare di contenere la sua foga stasera- perde spesso le staffe anche a Parigi, incorrendo in ammonizioni inutili- perché il suo lavoro sarà essenziale per l’Italia. I pericoli dalla Spagna, possono arrivare un po’ da tutte le parti, sia dalle fasce- con Isco e Tello- sia centralmente, dove Thiago Alcàntara sa inserirsi e andare al tiro. Verratti deve rappresentare insieme a Rossi, una barriera davanti alla difesa, e nello stesso tempo dare avvio il prima possibile, all’azione di ripartenza.