La nuova Inter di Mazzarri: 5 possibili colpi di mercato


 

 

 

Michael Agazzi

Il fatto che l'Inter cerchi un portiere, non è una buonissima notizia per i propri tifosi. Ciò potrebbe voler dire, che le attenzioni del Barcellona su Handanovic si stanno facendo sempre più insistenti e quindi Branca sta cominciando a guardarsi attorno. Allo stesso tempo però, l'Inter, per un campionato di vetice, ha bisogno di un altro portiere di sicura affidabilità, e il campionato disputato da Agazzi a Cagliari nella scorsa stagione, è stato davvero ottimo.

Aleksandar Kolarov

La notizia è rimbalzata dall'Inghilterra. Dopo il corteggiamento del Milan nella passata stagione, i nerazzurri potrebbero farsi avanti per il difensore serbo ex Lazio, ora al Manchester City. Nella passata stagione, Kolarov non ha convinto del tutto e i Citizens vorrebbero monetizzare con una sua cessione. Il problema però è il prezzo. si parte da 18 milioni di euro. Chi li ha da spendere per riportarlo in Italia?

Radja Nainggolan

Inter o Roma? Lui ieri ha dichiarato che alla fine potrebbe anche rimanere dov'è e dove si trova bene, a Cagliari. Quest'ultima opzione è ritenuta abbastanza improbabile e Mazzarri lo vorrebbe per il suo centrocampo, per assegnarli il compito che nel suo Napoli avevano Inler o Behrami. Sia in caso di 3-5-2 o di 3-4-1-2, Nainggolan sarebbe perfetto per il centrocampo della nuova Inter.

Paulinho

Anche in questo caso è una lotta fra Inter e Roma, ma qui c'è un terzo incomodo di mezzo. Il Tottenham infatti, è in vantaggio su tutti, anche perchè ha a disposizione quei 20 milioni di euro richiesti dal Corinthians. Il centrocampista brasiliano sta giocando ora in Confederations Cup e si è lamentato, perchè pare che molti club siano interessati a lui, ma nessuno si vuole fare avanti con decisione. A Paulinho nessuno ha mai parlato di "credit crunch"?

Alberto Gilardino

Alberto Gilardino potrebbe tornare a Milano, ma questa volta sulla sponda nerazzurra. In maglia rossonera non ha lasciato un gran ricordo nel periodo passato con il Mian di Ancelotti fra il 2005 e il 2008. Gilardino però sarebbe forse perfetto per quel ruolo di "vice-Milito", per il quale l'Inter non ha ancora trovato l'uomo giusto. L'argentino poi sta recuperando dall'infortunio e, nonostante quest'anno i nerazzurri non disputino le coppe europee, un attaccante del livello del Gila serve per forza ad Appiano Gentile. In più, non costa molto e a Mazzarri piace, quindi il matrimonio, potrebbe andare a buon fine