La sfida tattica: Manchester City-Manchester United


Il derby di Manchester di oggi, è la partita più importante dell'intera giornata. Due nuovi allenaotri, con molte aspettative attorno a loro- e anche molta pressione- incroceranno le spade per la prima volta in questa stagione.

Il Manchester United ha battuto il City all'Etihad nella scorsa stagione, così che oggi i Citizens, vorranno prendersi la rivincita. La squadra di Pellegrini viene data favorita a 2.15, mentre una vittoria del Manchester United, pagherebbe a 3.55.


Possibili formazioni

David Silva dovrebbe essere della partita, mentre non ci sarà probabilmente Clichy, sostituito sulla sinistra da Kolarov.

Welbeck sta bene, ma Kagawa dovrebbe essere confermato sulla sinistra. Valencia ha giocato bene in Champions, e dovrebbe essere confermato.


La fragilità difensiva del Manchester City

Nonostante qualche problema, la difesa del City nella scorsa stagione è stata la migliore in Premier League. In questi inizio di campionato, i problemi sono però riaffiorati, soprattutto in porta, dove Hart non si sta dimostrando affidabile. La sua difficoltà di comandare l'area, è costata la sconfitta a Cardiff dove due dei tre gol dei padroni di casa, sono arrivati su calci piazzati. Hart è parso colpevole in entrambe le occasioni.

Contro lo Stoke, il City è stato fortunato a non subire reti, ma già in Champions League a Plzen è tornato Kompany, che anche nel derby farà coppia al centro con Nastasic. Contro una squadra forte in attacco come lo United, il City dovrà essere perfetto in difesa e la comunicazione fra i due centrali e il portiere, sarà essenziale.

L'approccio offensivo del Manchester United

Con Rooney che sembra tornato in perfetta forma, lo United non mostrerà la sterilità che ha mostrato qualche settimana fa a Liverpool. Rooney ha segnato due gol martedì scorso in Champions League, e aveva segnato anche un gol al suo ritorno in Premier con il Crystal Palace. Van Persie poi, ha continuato a fare quello che ha sempre fatto, e anche lui ha segnato nell'ultima partita di campionato e nell'esordio stagionale in Champions League.

Moyes ha sempre detto di preferire un 4-4-2 per la sua squadra, quindi vede Rooney più in un ruolo da punta da affiancare all'olandese, che non ha un centrocampista d'attacco come l'attaccante inglese ha fatto l'anno scorso con Ferguson. I movimenti di Rooney poi, creano spazi non solo per Van Persie, ma anche per centrocampisti come Kagawa, che sono bravi a inserirsi. 

Nel grafico sotto, possiamo vedere la posizione dei giocatori dello United nella partita di martedì di Champions, e possiamo ben vedere come la squadra tende a giocare con un classico 4-4-2:

Rooney (n.10) è vicino a Van Persie (20), mentre Valencia (25) è largo sulla destra e Kagawa (26) sulla sinistra. Pur giocando così vicini, i due attaccanti hanno avuto ruoli diversi, e Rooney ha toccatto 64 palloni durante la partita, molti più dei 48 di van Persie. Questo dato è sintomatico della capacità di Rooney di abbassarsi, di andare a prendersi la palla. Il suo movimento potrebbe mettere in grande difficoltà una difesa fragile come quella del City.

Conclusione

Il Manchester City viene dato favorito, ma ha parecchi problemi dietro, e in questo derby i suoi difensori dovranno rimanere concentrati per tutti i 90 minuti, altrimenti rischieranno di farsi infilare da attaccanti esperti come quelli del Manchester United.


Se vuoi scommettere sul derby di Manchester, clicca qui