Mondiali 2014: Come sono finite le partite inaugurali nelle edizioni precedenti?


La prima fu Francia-Messico. Si giocava per la prima volta il Mondiale, correva l'anno 1930, il giorno era il 13 di luglio e la Francia vinse all'esordio con il Messico per 4-1. Questa è stata la prima partita disputata in un Mondiale, e quella che può quindi essere considerata la prima partita d'apertura.

Fra due giorni, Brasile e Croazia scenderanno in campo per quello che sarà l'inizio ufficiale del Mondiale 2014, ma come sono andate le partite di apertura nelle altre edizioni della manifestazione?

Innanzitutto, bisogna dire che non in tutte le edizioni dei Mondiali ci sono state delle partite di apertura. Nelle edizioni del 1934, 1938, 1958 e 1962 ad esempio, si è iniziato con un programma completo di partite, ma non c'è stata una partita che ha ufficilamente aperto il torneo. Particolare l'edizione del 1954 in Svizzera, quando non si partiì con un programma completo, ma le partire che si giocarono il 13 giugno (primo giorno di gare) furono tre.

Si giocò invece la partita di apertura al Mondiale del 1950 in Brasile, e i padroni di casa schiantarono il Messico per 4-0.

Nel 1966, ad esordire in casa a Wembley il pomeriggio dell'11 luglio, furono i padroni di casa dell'Inghilterra, che impattarono per 0-0 con l'Uruguay. Dall'edizione del 1966, a quella del 1978 in Argentina, tutte le quattro partite di apertura finiranno per 0-0. Nel 1974 però, qualcosa cambia riguardo la partita che apre i Mondiali. Non succede più come nel 1966 in Inghilterra e nel 1970 in Messico (quando i padroni di casa pareggiano per 0-0 con l'URSS) che ad esordire è la nazionale di casa, ma dal Mondiale tedesco, sarà la nazione campione in carica ad aprire la rassegna iridata. Cambia il modo, ma non il prodotto finale: Brasile-Jugoslavia 0-0.

Il gol di Vandenbergh il 13 giugno del 1982 a Barcellona, interrompe una serie di quattro partite di apertura finite 0-0 (l'ultima il pareggio a reti inviolate fra Germania Ovest e Polonia in Argentina). L'Italia di Bearzot apre il Mondiale messicano del 1986 quale detentrice del titolo, ma non va al di la di un 1-1 all'Azteca con la Bulgaria (gol di Altobelli e Sirakov).

Dopo la sorpresa del Belgio nel 1982, arriva quella del Camerun all'apertura di Italia 90. Segna Omam Biyick, e gli africani battono l'Argentina di Maradona. 

Quasi nessuno ricorda la gara d'apertura del Mondiale 1994, forse perchè quel giorno a Chicago c'erano 45 gradi e Klinsmann risolse dopo 15' la partita con la Bolivia. Più interessante la prima del Mondiale di Francia, quando il Brasile supera a fatica, e solo grazie a un autogol di Boyd, un'arcigna nazionale scozzese. 

Nel 2002 si vola in Asia, e dopo Belgio e Camerun, arriva l'altra grande sorpresa delle gare inaugurali. E' Bouba Diop a dare la vittoria al Senegal sulla Francia, e far capire subito ai Galletti che quello sarà un Mondiale disgraziato per loro.

Nel 2006 in Germania si cambia, e non sarà più la nazionale detentrice del titolo ad aprire il torneo, ma il 9 giugno a Monaco di Baviera, sarà la nazionale di casa a battere per 4-2 il Costarica e dare così inizio alle danze. Si arriva così poi all'ultima partita di apertura, quella giocata nel 2010 da Sud Africa e Messico e conclusa sull'1-1.

Dal 1966 ad oggi quindi, solo in due occasioni su dodici si è verificato un over 2.5, con l'under 1.5 che si è verificato addirittura in otto occasioni, considerando sempre lo stesso periodo di tempo. La squadra che ha giocato più partite di apertura? Il Messico, ben quattro volte, mentre il Brasile (che esordirà il 12 con la Croazia) ha vinto due delle tre gare inaugurali disputate (ha pareggiato l'altra).  Ultimo dato significativo: nessuna delle nazionali che ha vinto la partita inaugurale, si è poi aggiudicata il Mondiale. Attento Brasile...

Come finirà Brasile-Croazia? Controlla le quote qui!