Mondiali 2014: Ne rimarrà solo una. Ok, ma chi vincerà il titolo?


Argentina (vittoria finale a 3.50)

E' la favorita dai bookmakers, anche se finora non ha entusiasmato. In squadra però ha Lionel Messi che, salendo sul trono mondiale, non solo vincerebbe l'ennesimo Pallone d'oro, ma entrerebbe nell'olimpo die più grandi di sempre.

Molti hanno paragonato questa Argentina a quella che Maradona trascinò al titolo nel 1986, ma quella di Sabella ci sembra avere più qualità complessivamente rispetto a ciò che aveva a disposizione Bilardo, e 28 anni fa, quell'Argentina era davvero dipendente dal Pibe de oro, molto di più di quanto questa Albiceleste lo sia da Messi.

Certo, l'Argentina finora non ha impressionato, ed è stato lo stesso Messi ha risolvere alcune situazioni complicate (gol decisivi con Bosnia e Iran, passaggio gol per Di Maria con la Svizzera), ma nella semifinale con l'Olanda non ci sarà l'infortunato Di Maria, anche se nel quarto di finale si è sbloccato Higuain.

L'Argentina non gioca bene, ma la squadra di Sabella sa vincere con il minimo sforzo e soprattutto, ha saputo finora uscire dalle situazioni complicate. In questi casi, avere un Messi in squadra, fa sempre comodo...

Germania (vittoria a 3.70)

Finora è apparsa la squadra più solida, quella più affidable. Meno spettacolare rispetto alla Germania vista quattro anni fa in Sudafrica e rispetto a quella dell'Euro 2012, ma più concreta e cinica.

i tedeschi sono una garanzia, e per la quarta edizione consecutiva, hanno raggiunto le semifinali di un Mondiale. Loew ha parecchie soluzione tattiche a disposizione per sfidare il Brasile, e potrebbe riprovare ancora con Lahm davanti alla difesa e Klose attaccante per aprire spazi a Thomas Muller, anche se crediamo che contro i brasiliani, il tecnico tedesco opterà per l'utilizzo del "falso nueve" e con Lahm messo nella sua posizione naturale di esterno destro.

La Germania in questo Mondiale ha saputo anche soffrire (vedi ottavo di finale con l'Algeria), ma ha saputo dare anche dimostrazione di grande solidità e fiducia nei propri mezzi.

Brasile (vittoria a 3.75)

La quota è scesa dopo il grave infortunio a Neymar e la squalifica di Thiago Silva, due perdite pesantissime per la semifinale.

Scolari dovrà cambiare qualcosa, forse anche tatticamente, e se per la sotituzione del centrale del PSG la scelta di Dante sembra quella più scontata, per la sostituzione di O'Ney ci sono ancora dei dubbi. Il tecnico brasiliano potrebbe optare per Willian affiancato a Oscar e Hulk, dietro alla punta Fred, ma potrebbe anche scegliere di adottare un 4-3-3, con l'inserimneto di Paulinho o Hernanes a centrocampo.

Senza Neymar tutti gli altri della rosa saranno più responsabilizzati, e i brasilaini faranno come al solito affidamento sul tifo di casa (stavolta si gioca a Belo Horizonte) e sull'entusiamo di un'intera nazione che aspetta il sesto titolo mondiale.

Olanda (vittoria a 4.25)

E' l'outsider, ma lo era anche ad inizio torneo. Dopo la vittoria all'esordio con la Spagna, tutti hanno cominciato a prendere sul serio la truppa di Van Gaal, mentre prima del torneo, si diceva che al massimo gli olandesi sarebbero arrivati agli ottavi.

Van Gaal ci sembra proprio l'uomo in più degli olandesi, quello che ha subito critiche per il modulo troppo difensivo, ma che ha saputo finora ottenere il meglio da Robben e da Sneijder. Mancherà De Jong in mezzo al campo, e questa sarà una perdita pesante, ma le alchimie tattiche fanno parte del bagaglio culturale del tecnico olandese.

L'Argentina sarà un avversario duro, e gli oranje potrebbero soffrire tremendamente le ripartenze di Messi, ma Van Gaal ha pronto qualcosa anche per le semifinali. Noi quantomeno, ne siamo certi...