Spagna-Olanda: la sfida tattica vista da Jonathan Wilson


Dopo averci consigliato sulla partita inaugurale, il nostro esperto di tattica Jonathan Wilson, rivolge il suo sguardo a quella che sarà la rivincita della finale mondiale del 2010...

 

Team news

Buone notizie per Del Bosque, che non ha problemi di infortunati, e può scegliere fra l'intera rosa. E che rosa!

Anche Van Gaal ha tutti i 23 disponibili, ma prima dei Mondiali, ha dovuto rinunciare a Strootman e Van der vaart causa infortuni. Il tecnico olandese recupera anche Van Persie, che partirà in attacco.

 

L'imprevedibilità di Van Gaal

Non c'è forse nessuna squadra in questi Mondiali più difficile da leggere da un punto di vista tattico dell'Olanda. Van Gaal storicamente ha sempre preferito giocare con il 4-3-3, con uno dei due difensori centrali pronto ad avanzare a centrocampo, e durante le qualificazioni ha sembre utilizzato il 4-3-3 o il 4-2-3-1. L'infortunio di Strotmann però, sembra aver complicato i suoi piani, e nelle amichevoli prima di arrivare in Brasile è stato provato il 3-4-1-2 e il 4-3-1-2.

Qualsiasi formazione sceglierà, siamo sicuri che van Gaal lo farà come al solito con molta meticolosità. Non è un tecnico che si limita a dire ai suoi di scendere in campo e giocare come sanno fare. Avendo visto il Cile mettere in difficoltà la Spagna all'ultimo Mondiale, non ci stupiremmo affatto di vedere l'Olanda giocare con i tre dietro stasera, così da avere un uomo in più a centrocampo per contrastare il possesso degli spagnoli.

 

Lo strano trio olandese in attacco

Ci sono volte in cui è difficle leggere una formazione, e l'Olanda di stasera è un esempio di ciò. Sarebbe facile dire che gli oranje giocheranno con tre attaccanti, ma non sarà così, trattandosi di un centrocampista e due attaccanti (quindi 3-4-1-2 o 4-3-1-2). Sneijder giocherà al vertice del centrocampo, e avrà un ruolo quasi da trequartista, con Robben e Van Persie che giocheranno davanti a lui.

Robben è un'ala, che gioca su entrambe le fasce anche se predilige la sinistra, da dove di solito poi taglia al centro. Van Persie invece sarà l'attaccante, che a volte però tornerà verso il centrocampo, lasciando così spazio per le avanzate di Robben. Sia che giocherà con una difesa a tre o a quattro, l'Olanda stasera avrà sette uomini dietro la linea della palla, pronti poi ad innescare Van Persie e Sneijder quando ci sarà il recupero della palla, e pronti a lanciare in profondità Robben, per sfruttare il contropiede.

 

Come giocherà la Spagna in attacco

Tranne sorprese dell'ultima ora, il centrocampo della Spagna sarà il solito, quello che tutti ci aspettiamo di vedere: Sergio Busquets sarà il vertice basso, con Xabi Alonso appena più avanti di lui e spostato sulla sinistra, Xavi sulla destra, e Iniesta che partirà almeno inizialmente sulla sinistra. C'è più curiosità riguardo invece all'attacco, dove sicuramente dovrebbe giocare Diego Costa.

Del Bosque però potrebbe optare sempre per il "falso nueve", schierando così Torres o Fabregas. L'idea di base della Spagna sarà però sempre quella di avere il controllo del pallone e del gioco, e quindi giocheranno Costa o Torres, e uno fra David Silva, Fabregas e Pedro.

 

La battaglia a centrocampo

Dopo la prova di solidità, e a volte anche di brutalità, di De Jong e Van Bommel nell'ultima finale mondiale- il duo è stato molto criticato anche dai "puristi" in Olanda- staserà mancherà molto il lavoro di Strotman. Il centrocampista della Roma avrebbe portato ulteriore fisicità, ma anche una certa classe. In sua assenza, la composizione del centrocampo non sarà facile da leggere. De Jong sarà il punto fisso, ma porbabilmente giocherà- alla sinistra del centrocampista del Milan- anche Daley Blind, 24enne e figlio del più celebre Danny.

Sia De Guzman che Fer sono stati utilizzati nelle amichevoli di preparazione, con Hordie Clasie che sarà un'alternativa valida da un punto di vista tecnico. Se Van Gaaal opterà per un 3-4-1-2, Blind e Janmaat agiranno sulle fasce, con De Guzman che si schiererà al fianco di De Jong, un quartetto che avrà il compito soprattutto di distruggere il gioco degli spagnoli.

 

Verdetto

Al Mondiale 2010, dagli ottavi di finale in poi, la Spagna ha vinto tutte le partite con il risultato di 1-0. Negli ultimi tre grandi tornei disputati, gli spagnoli hanno subito solo sei reti in 19 parite, e tre di queste reti sono state subite nella fase a gruppi dell'Europeo 2008. Crediamo quindi che assisteremo a un match dominato dagli spagnoli, ma con pochi gol. L'under 1.5 sembra interessante, ed è bancato ad una quota di 2.75.