Sulla via di Rio: un'analisi delle dieci squadre già qualificate


Dopo le ultime partite di qualificazioni di ieri, è salito a 10 il numero delle squadre già qualificate per il prossimo Mondiale. Queste nazionali possono già prenotare i voli e gli hotel, ma quali saranno le loro reali possibilità a Brasile 2014?

Brasile

Uomo chiave: Neymar  

Allenatore: Luiz Felipe Scolari

Miglior risultato ai Mondiali: 5 vittorie, due secondi posti.

Perchè possono vincere: Ci sono molte ragioni. Sono il Pease ospitante, hanno grande tradizione e vengono considerati la patria del bel calcio. Hanno grandi giocatori e un ottimo allenatore.

Perchè possono fallire: Potrebbero risentire della pressione. Qualsiasi risultato al di fuori della vittoria finale, potrebbe essere considerato un fallimento.

 

Giappone

Uomo chiave: Shinji Kagawa 

Allenatore: Alberto Zaccheroni

Miglior risultato ai Mondiali: secondo turno (2002 & 2010)

Perchè possono vincere: Hanno molti giocatori che giocano nei principali campionati europei. Realisticamente, il loro massimo obiettivo può essere il raggiungimento dei quarti di finale.

Perchè possono fallire: Non ci sono molti giocatori con esperienza a questi livelli.

 

Australia

Uomo chiave: Mile Jedinak 

Allenatore: Holger Osieck

Miglior risultato ai Mondiali: secondo turno (2006)

Perchè possono vincere: La squadra è formata da giocatori di grande esperienza. Il raggiungimento del secondo turno potrebbe essere alla loro portata.

Perchè possono fallire: non c'è molto qualità nella rosa. Molti giocatori sono avanti con gli anni e non si vedono giovani di assoluto talento.

 

Iran

Uomo chiave: Javad Nekounam 

Allenatore: Carlos Queiroz

Miglior risultato ai Mondiali: Gironi eliminatori (1978, 1998, 2006)

Perchè possono vincere: I giocatori non sono molto conosciuti e potrebbero rappresentare una sorpresa. In più, c'è un allenatore di esperienza come Queiroz.

Perchè possono fallire: Solo due giocatori sono impiegati da squadre europee, mentre il resto della rosa gioca nel campionato iraniano.

 

Corea del Sud

Uomo chiave: Lee Chung-Yong 

Allenatore: Hong Myung-Bo

Miglior risultato ai Mondiali: semifinali (2002)

Perchè possono vincere: Questa è l'ottava volta consecutiva che la Corea del Sud si qualifica per la fase finale dei Mondiali. Grande esperienza in squadra.

Perchè possono fallire: Manca una vera star che può essere decisiva nei momenti chiave


Olanda

Uomo chiave: Robin van Persie

Allenatore: Luis van Gaal

Miglior risultato ai Mondiali: 3 volte secondi (1974, 1978, 2010)

Perchè possono vincere: Hanno una squadra ricca di qualità e in van Persie, uno dei migliori attaccanti del mondo.

Perchè possono fallire:Potrebbero essere bloccati da un punto di vista psicologico. Arrivano sempre a un passo dal trionfo ma poi...

 Italia

Umo chiave: Andrea Pirlo  

Allenatore: Cesare Prandelli

Miglior risultato ai Mondiali: 4 vittorie (1934, 1938, 1982, 2006)

Perchè possono vincere: Squadra abituata ai grandi tornei. Non parte mai favorita, ma spesso arriva alla fine.

Perchè possono fallire: Squadra abbastanza vecchia. Come arriveranno al Mondiale i vari Buffon, Pirlo e Gilardino?

 

Stati Uniti

Uomo chiave: Clint Dempsey  

Allenatore: Jurgen Klinsmann

Miglior risultato ai Mondiali: quarti di finale (2002)

Perchè possono vincere: E' una nazione calcisticamente in crescita. Giocatori come Donovan, Dempsey e Bradley, possono essere decisivi.

Perchè possono fallire: Difficilmente riescono a battere le grandi squadre.


Argentina

Uomo chiave: Lionel Messi 

Allenatore: Alejandro Sabella

Miglior risultato ai Mondiali: 2 vittorie (1978, 1986)

Perchè possono vincere: Hanno una squadra fenomenale, specialmente in attacco con Messi, Higuain, Lavezzi, Lamela e Aguero.

Perchè possono fallire: La difesa non è all'altezza degli altri reparti.


Costa Rica

Uomo chiave: Bryan Ruiz 

Allenatore: Jorge Luis Pinto

Miglior risultato al Mondiale: secondo turno (1990)

Perchè possono vincere: Bryan Ruiz- il capitano- potrebbe affermarsi a livello internazionale.

Perchè possono fallire: Squadra con poca qualità e senza esperienza nei grandi tornei.