Tutti i più grandi flop nella storia della Premier League (club per club)


Con le voci che si fanno sempre più insistenti di un Dani Osvaldo all'Inter e di Marouane Felliani che potrebbe a breve accordarsi con il Napoli, Southampton e Manchester United dovranno rinunciare a due investimenti importanti (che si sono poi rivelati un flop) fatti solo un'estate fa.

Ma quali sono stati i più grandi flop nella storia della Premier League?

Qui di seguito ananlizzazione tutte le squadre della prossima Premier League, cercando di capire qual è stato il giocatore che non avrebbero mai voluto acquistare...

 

Arsenal – Francis Jeffers

Arrivato come un possibile crack, fu presto rispedito al mittente. L'attaccante originario di Liverpool, Francis Jeffers, arrivò ai Gunners nel 2001 per 8 milioni di sterline. Nei tre anni nei quali rimase con l'Arsenal in Premier League, riuscì a mettere a segno solo quattro reti.

 

Aston Villa – Bosko Balaban

L'Aston Villa pagò 5.8 milioni di sterline per il croato Balaban nel 2001. Fece solo nove apparizioni in prima squadra- sette subentrando dalla panchina- nei due anni e mezzo nei quali restò a Birmingham, prima che nel dicembre 2003, il Villa riuscì finalmente a liberarsene.

 

Burnley – Frederic Nimani

Non potevamo dimenticare l'ex attaccante della nazionale francese Under 21 Nimani. L'Ultima volta che i Clarets calcarono i campi della Premier League, Nimani arrivò in prestito dal Monaco nel gennaio 2010, con una clausola per il riscatto di 4 milioni di sterline. Entrò in campo solo due volte come sostituto, e quel riscatto non fu mai esercitato dal Burnley. Oggigiorno, Nimani non ha un contratto con nessuna squadra.

 

Chelsea – Andriy Shevchenko

Il Chelsea ha speso molto (e a volte male) negli ultimi anni, ma nussuna somma fu spesa peggio che i 30.8 milioni di sterline spesi per Andriy Shevchenko nel 2006. Dopo gli anni d'oro al Milan, l'ucraino segnò solo nove gol in due anni a Londra, e nella classifica dei peggiori del Chelsea, è riuscito a precedere un certo Fernando Torres.

 

Crystal Palace – Florian Marange

L'esterno sinistro di difesa francese Florian Marange, fu acquistato la scorsa estate dal Crystal Palace, ma poco tempo dopo l'allora allenatore Ian Holloway si accorse di aver preso troppi giocatori per la sua squadra. Florian venne bollato come un giocatore lento e il suo allenatore non lo inserì nella rosa dei 25 che avrebbero dovuto disputare la stagione Premier League. Marange giocò solo un match ufficiale, prima di tornare in Francia a gennaio.

 

Everton – Per Kroldrup

Dopo che l'Everton ottenne la qualificazione in Champions League, David Moyes cercò di assicurarsi un gocatore per rafforzare la difesa. La scelta cadde su Per Kroldrup dell'Udinese. Il nazionale danese, pagato 5 milioni di sterline, giocò una sola partita in Premier League, tra l'altro persa dai Toffees per 4-0 contro l'Aston Villa. Lasciò Goodison Park solo sei mesi dopo esserci arrivato.

 

Hull – Jimmy Bullard

Dopo aver ben impressionato al Fulham, Bullard passò all'Hull City nel 2009 per 5 milioni di sterline, e al giocatore andarono 45.000 sterline a settimana. Un infortunio al ginocchio nella prima partita, fu l'inizio del suo calvario con i Tigers e, dopo due anni e una lunga serie di infortuni, lasciò il club nel 2011.

 

Leicester – Ade Akinbiyi

Poi ribattezzato "Ade Akin- bad buy", l'attaccante Akinbiyi arrivò al Leicester nell'estate del 2000 per 5.5 milioni di stelrine, e nelle intenzioni del club, avrebbe dovuto sostituire Emile Heskey. Diventò famoso per i gol sbagliati sotto porta, in particolare in una partita, proprio contro il Liverpool di Heskey. Dopo un anno e mezzo di disgrazie in campo, lasciò il Leicester per accasarsi al Crystal Palace.

 

Liverpool – Andy Carroll

Dopo aver incassato 50 milioni di sterline dal Chelsea per Fernando Torres, il Liverpool ne spese 35 per Andy Carroll, ma l'attaccante del Newcastle ebbe subito problemi fisici appena arrivato ad Anfield. Dopo appena 11 reti in 58 partite, si trasferì al West Ham nel 2012. Il giocatore arrivò in prestito, ma ora gli Hammers lo hanno definitivamente acquistato.

 

Manchester City – Jo

 

Prima che per il Manchester City diventasse normale spendere 18 milioni di sterline per un giocatore, ci fu il caso di Jo. L'attaccante brasiliano arrivò dal CSKA Mosca nell'estate 2008 e, dopo aver segnato solo un gol per i Citizens, lasciò il club per due prestiti all'Everton e al Galatasaray, prima di andarsene definitivamente nel 2011. Improvvisamente è poi riapparso ai Mondiali questa estate...

 

Manchester United – Marouane Fellaini

Una cluasola nel suo contratto avrebbe permesso al Manchester United di acquistare Fellaini per 22 milioni di sterline, ma alla fine David Moys lo pagò 27.5 milioni di sterline. Le cose, come si sa, non sono andate bene. 21 presenze e nessun gol. Ora Moyes se ne è andato, Van Gaal cerca di ricostruire la squadra e Felliani non rientra nel progetto del tecnico olandese.

 

Newcastle – Albert Luque

Arrivato in pompa magna per 9.5 milioni di sterline, Albert Luque non lasciò il segno a Newcastle. Segnò un solo gol in due anni, anche se quella rete venne messa a segno nel derby con il Sunderland.

 

QPR – Jose Bosingwa and Park Ji-Sung

La disastrosa campagna acquisti del QPR del 2012, portò anche questi due giocatori, che ormai avevano già dato il meglio nelle espereinze precedenti. Bosingwa e Park avevano vinto la Champions League con Chelsea e Manchester United rispettivamente, ma al QPR non si parlò certo di Champions, ma si finì velocemente in Championship...

 

Southampton – Dani Osvaldo

La Premier League fu impressionata l'anno scorso quando Pochettino acquistò Dani Osvaldo, ma poi lo si vide giocare nel Southampton. L'attaccante della nazionale azzurra segnò solo tre reti per i Saints in 13 presenze, ma si rese protagonista di molte liti nello spogliatoio, così che fu dato in prestito alla Juventus per la seconda parte della stagione. Ora è a un passo dall'Inter.

 

Stoke – Dave Kitson

Per lo Stoke abbiamo scelto Kitson, che arrivò dal Reading nel luglio 2008 per 5.5 milioni di euro. Dopo aver segnato tre gol in 18 partite, tornò al Reading in prestito, prima di tornare ancora allo Stoke e segnare altri tre gol in 18 partite di Premier League, e poi andarsene definitivamente dopo aver litigato con Tony Pulis.

 

Sunderland – Tore Andre Flo

Il norvegese Flo si era messo in mostra al Chelsea e ai Rangers prima di arrivare al Sunderland nel 2002 per 6.75 milioni di sterline. Segnò solo quattro gol, giocando in totale 11 partite e, dopo 18 mesi con i Black Cats, venne lasciato libero.

 

Swansea – Itay Shechter

L'attaccante israeliano Shechter segnò solo un gol in 18 partite con gli Swans, una rete che contribuì alla vittoria per 3-2 contro il Wigan, il suo unico gol negli 856 minuti giocati con il club. Lasciò dopo che il prestito finì al termine della stagione 2012/13, con grande soddisfazione da parte dei tifosi dello Swansea.

 

Tottenham – David Bentley

C' è stata molta competizione al Tottenham per questo premio! Rebrov, Soldado e Lamela erano tutti possibili candidati, ma abbiamo scelto Bentely, che costò agli Spurs 15 milioni di sterline nel luglio 2008. Giocò 42 partite con il club, segnando tre gol, uno dei quali contro l'Arsenal. 

 

West Brom – Borja Valero

Lo spagnolo ha dimostrato di essere un giocatore valido al Villareal e alla Fiorentna, ma fu un autentico disastro quando arrivò al West Bromwich Albion per 4.7 milioni di sterline nel 2008. Fece il suo debutto nella sconfitta per 3-1 contro l'Hartlepool United e da allora, le cose andarono sempre peggio. Valero giocò 36 partite per l'Albion, e non riuscì mai ad andare a rete.

 

West Ham – Savio Nsereko

Sarebbe troppo crudele menzionalre Andy Carroll una seconda volta, quindi preferiamo votare Nsereko. L'attaccante tedesco di origine ugandese arrivò al West Ham per 9 milioni di sterline nel gennaio 2009. Partì dall'inizio solo una volta, e non riuscì mai a segnare un gol nelle 10 presenze con gli Hammers, prima di lasciare Londra e accasarsi alla Fiorentina. Ora, all'età di 25 anni, non è a libro paga di nessun club