Dario Cvitanich, il bomber argentino della Costa Azzurra


Dario Cvitanich ha una storia tutta da raccontare. Il 28enne argentino sembrava ormai avviato verso il tramonto della carriera, pur non avendo ancora 30 anni ma le occasioni perse cominciavano a diventare un po’ troppe.

Quest’estate però, la fortuna è girata dalla sua parte e per questo deve ringraziare uno stagista. Sembra assurdo ma pare che sia stato un ragazzo che stava facendo uno stage presso il club a suggerire Dario ai suoi dirigenti perché, per caratteristiche tecnico- tattiche poteva essere il centravanti giusto dei nizzardi.

Lo stagista ci ha visto probabilmente giusto, perché da quando Cvitanich è arrivato in Costa Azzurra non ha più smesso di segnare, portando i rossoneri al quinto posto in classifica.

Cvitanich è un giocatore argentino, che ha mosso i primi passi nel Banfield, per poi tentare nel 2008 l’esperienza europea, passando all’Ajax.

Cvitanich non si è mai integrato perfettamente nel gioco degli ajacidi e , pur rimanendo per due stagioni all’Amsterdam Arena, di lui si ricorda in particolare solo una tripletta realizzata contro il NAC Breda il 13 settembre 2009, ma non molto altro di più.

Così, nel dicembre del 2009, viene ceduto in prestito ai messicani del Pachuca, per poi tornare ancora un anno all’Ajax, dove vince il campionato al termine della stagione 2010/11.

I dirigenti biancorossi non sono però completamente convinti delle sue qualità e optano quindi per un ulteriore prestito, questa volta facendo tornare Dario nella sua patria, in Argentina, a Buenos Aires, sponda Boca Juniors. Con i gialloblù della Boca gioca 27 partite e segna 9 gol, ma il suo ritorno in Europa è imminente, proprio grazie alla scelta del Nizza, che punta su di lui per la stagione 2012/13.

Oltre all’episodio dello stagista, è l’allenatore Claude Puel, ex tecnico del Lione, ha volerlo e Cvitanich finora l’ha ripagato con 12 gol in campionato.

Il Nizza, che nelle stagioni precedenti aveva sempre “flirtato” con la retrocessione, quest’anno sta sorprendendo tutti, ed è li, ai margini della zona Champions, sicuro di potersi giocare le proprie possibilità di Europa fino alla fine della stagione.

E in tutto questo, sicuramente Cvitanich ha un po’ di merito.

Speriamo solo che, in questo periodo di crisi economica e difficoltà nel trovare il lavoro, i nizzardi abbiano provveduto all’assunzione a tempo indeterminato di quello stagista che c’ha visto così bene.