No tengo dinero


I Righeira lo cantavano già all’inizio degli anni 80’, quando non ci sono i soldi i miracoli non si possono fare, e bisogna fare di necessità virtù.

La canzone del duo di Torino è molto pertinente per la situazione delle squadre italiane, e la sessione invernale di calciomercato tuttora in corso ne è un chiaro esempio. Pur se è vero che “i colpi “  si fanno negli ultimi due giorni di mercato- anche se notiziari e i programmi sportivi ci annunciano da circa due mesi che il colpo di questa o quella squadra è imminente- c’è una situazione di stallo che è anche imbarazzante.

Qualcuno ha fatto notare che per problemi di plusvalenze e minusvalenze dovute alla Co.vi.soc, è più facile- e conveniente- per le squadre italiane comprare all’estero che non in patria, ma non mi pare che ci siano campioni alle frontiere italiane che spingano per poter entrare e giocare in quello che era “il campionato più bello del mondo”.

Oddio non è che all’estero ci siano stati colpi d’artificio- anche se per esempio in Inghilterra Demba Ba e Sturridge hanno già fatto bene nelle loro nuove squadre, Chelsea e Liverpool rispettivamente- ma in Italia finora sono stati fatti passare come grandi colpi di mercato l’acquisto di Peluso da parte della Juventus e Rocchi acquisito come vice-Milito dall’Inter. E i vari Balotelli, Drogba, Llorente e Paulinho? In questi giorni si sta facendo passare che Kakà sarebbe un grande colpo di mercato. Parliamo però di un giocatore ceduto dal Milan nel 2009 per 67 milioni di euro e oggi, dopo poco più di tre anni, è “deprezzato” a 12 milioni dopo tre stagioni e mezzo a Madrid dove forse ha visto più il Quartiere Latino della capitale spagnola che non il prato dello stadio Bernabeu. Nel caso che l’affare andasse in porto- ma per ora le parti sono ancora distanti- che tipo di giocatore ritroveremo? E siamo sicuri che è proprio un giocatore di questo tipo che ora serve al Milan?

La Juventus è sempre alla ricerca del famoso “top player” che le farebbe fare il salto di qualità, ma personalmente ho sempre più la convinzione che sarà Gabbiadini- tra l’altro un ottimo giocatore- a prendere la via di Vinovo, in attesa che Llorente si liberi definitivamente dall’Athletic Bilbao la prossima estate.

Anche l’Inter è attesa al grande colpo, ma per Sneijder ha incassato “solo” 7,5 milioni di euro. Certo risparmierà sull’oneroso ingaggio dell’olandese, ma se non cederà Alvarez o Coutinho difficile bussare alla porta del Corinthians per Paulinho. Sicuri di voler sognare Dzeko?

Tra l’altro è singolare il caso dei nerazzurri: Moratti prende Rocchi (35 anni) dalla Lazio e pensa di dare in prestito Livaja (19). Questa estate ha ceduto Destro (21), mentre ha dato in prestito all’Espanyol anche Longo (21). Come diceva Nanni Moretti in un celebre film:” vabbè, continuiamo così, facciamoci del male”.