Addio "golden set", non ci mancherai affatto.......


Stasera Cuneo e Macerata si affronteranno in Piemonte nel ritorno dei quarti di finale di Champions League di volley,  partita valevole per l’accesso alle Final Four che si disputeranno il 16-17 marzo prossimi in Siberia, a Omsk.

Le due squadre però, stasera saranno anche testimoni dell’addio al tanto discusso- e in gran parte odiato- “golden set”. Un regolamento iniquo, da un certo punto di vista antisportivo, che la Federazione internazionale volley ha introdotto per la competizione più importante per club, ma che ora sembra aver capito l’errore e tornare così sui propri passi.

In pratica il “golden set” funziona così: innanzitutto vale in competizioni dove ci sono partite di andata e ritorno- come appunto le competizioni europee- e se all’andata una squadra A batte la B per 3-0 e nel ritorno la B vince sulla A ad esempio per 3-2 ( o 3-1) bisogna comunque giocare un tie- break aggiuntivo al meglio dei quindici punti. Quindi non si tiene conto nel del totale set, nel del totale punti, contro qualsiasi regola che in qualsiasi sport- prendiamo le coppe europee di calcio come esempio più pratico- tiene conto dei punti segnati in trasferta. Così che all’andata una squadra potrebbe “distruggere” l’altra per 3 set a 0 e poi perdere il ritorno 3-2, magari dopo un tiratissimo tie-break, e alla fine perdere comunque in questo ulteriore set, giocato al meglio dei 15 punti ( neanche dei 25, così che risulterebbe magari un po’ meno iniquo).

La cosa strana è che Cuneo, che l’anno scorso è stata eliminata negli ottavi di finale di Champions dalla Lube Banche Macerata proprio in questa maniera, stasera potrebbe beneficiare del “golden set” e quindi provare ad ottenere in extremis le Final Four. Infatti, nella partita di andata, la Lube Banche Macerata si è imposta nettamente sulla Bre Banca Lannutti Cuneo per 3-0, ma stasera, grazie a questa formula iniqua, rimane una porta più che aperta per la rimonta dei piemontesi.

Vedremo come andrà a finire, mentre con il Lokomotiv Novosibirsk qualificato di diritto in qualità di società organizzatrice, chi vincerà il derby italiano affronterà in semifinale i polacchi del Kedzierzyn Kozle, che hanno eliminato ieri i turchi dello Smirne, mentre nell’altro quarto di finale si affronteranno in un derby russo la Dinamo Mosca e il Kazan ( con vittoria della squadra del Tatarstan per 3-0 nella partita di andata).