French Open 2013: il parere di Goran Ivanisevic


Molti pensano ancora a me come un giocatore esperto sull’erba, perchè ho vinto Wimbledon, ma non è così: la terra era la mia superficie ideale. Ho imparato a giocare sulla terra, il mio primo torneo è stato sulla terra, e il primo torneo dello Slam al quale ho partecipato è stato il French Open.

Oggi però, se devo essere onesto, non credo che avrei battuto Rafael Nadal. Guardate al modo nel quale ha “distrutto” Roger Federer agli Internazionali di Roma: 68 minuti, ed era già tutto finito. Sarà sempre il favorito al French Open ogni volta che verrà qui, specialmente perché questo torneo l’ha già vinto sette volte. Il campo qui è così grande e, se in queste settimane lo troverà sempre asciutto, Nadal è praticamente imbattibile.

Molto dipende dal fatto che Rafa è un mancino ma è anche un giocatore molto forte a servizio. Grazie alla vittoria agli internazionali di Roma, Nadal è diventato numero quattro al mondo e ora il suo avversario principale qui potrebbe essere Novak Djiokovic. I due però, si potrebbero incontrare anche prima della finale e state sicuri che in ogni caso assisteremmo a un grande match. Djokovic è il grande avversario di Rafa qui a Parigi e, se le condizioni metereologiche prevedessero freddo e pioggia per i prossimi giorni, state sicuri che anche Novak potrà dire la sua.

Roger Federer non è da sottovalutare, anche se in questo momento non è nel suo periodo migliore. La terra poi non è la sua superficie preferita, ma se ritrovasse la condizione in queste due settimane, potrebbe anche lui essere considerato uno dei favoriti. Non penso comunque che ci saranno grandi sorprese, e di sicuro il vincitore uscirà fra i primi cinque al mondo della classifica ATP.

Per quanto riguarda il torneo femminile, soltanto Serena Williams può perdere questo French Open. L’americana però a volte gioca male sulla terra e così potrebbero approfittarne sia Maria Sharapova che Li Na, che qui a Parigi ha già vinto nel 2011 e, ora che sembra completamente ristabilita dall’infortunio subito agli Australian Open, qui a Parigi potrebbe fare la grande sorpresa.

Goran Ivanisevic è stato n.2 al mondo nella classifica ATp e in carriera ha vinto 22 titoli, incluso Wimbledon nel 2001. Al French Open è stato due volte finalista nel doppio e per tre volte ha raggiunto i quarti di finale nel singolare.