US Open: Tutti gli occhi sono rivolti su Djokovic e Serena Williams


Il campione in carica, non potrà difendere il titolo. Per colpa di un infortunio al polso, Rafa Nadal non parteciperà agli US Open di quest'anno.

Non sono buone notizie per tutti gli appassionati di tennis. D'altra parte, ci saranno maggiori possibilità per gli altri campioni settimana prossima a New York...

 

Novak Djokovic 

La testa di serie n° 1 Novak Djokovic, è apparso distratto da quando si è sposato lo scorso luglio, con i suoi pensieri che sembrano più rivolti alla moglie Jelena Ristic, che non ai campi di gioco.

Basta guardare come ha perso al terzo turno a Cincinnati contro Tommy Robredo (sì, il n°18 al mondo Tommy Robredo). A Toronto ha perso sempre al terzo turno contro Tsonga (non certo un'ignominia, ma un risultato inaspettato).

Se vorrà conquistare il suo ottavo titolo di uno Slam, dovrà cercare di rimanere concentrato sul suo lavoro, cercando di staccare dalla sua vita privata. 

"Molte cose non sono andate bene in queste due settimane di tornei sul cemento", ha detto Nole. Che ha poi aggiunto "è ovvio che devo giocare meglio di quanto ho fatto finora". E' anche ovvio che l'assenza di Nadal, potrà aiutare Djokovic a tornare sui suoi livelli migliori.

 

Roger Federer 

Cosa possiamo dire della testa di serie n° 2 Roger Federer? Qualcuno crede ancora che possa vincere un titolo dello Slam? Ha 33 anni e, pur per un campione della sua levatura, di solito a questa età si è in fase discendente.

Un momento però. Diamo un'occhiata a quanto ha fatto nei tornei di preparazione agli US Open: vittoria a Cincinnati, secondo a Toronto. Questi risultati sarebbero stati gli stessi se a questi tornei avesse partecipato anche Nadal?

 

John Isner 

Un altro giocatore degno di menzione, è il numero 1 statunitense John Isner. Storicamente, i suoi risultati sui campi di casa sono decisamente superiori da quelli ottenuti all'estero. Dopo aver vinto il torneo ad Atlanta però- dove non ha afforntato nessuno dei primi 50 al mondo- i suoi risultati non sono stati niente di eccezionale. E il suo miglior risultato a New York? I quarti di finale nel 2011. Se non succederà un miracolo, non farà molta strada neppure quest'anno.

 

Serena Williams 

I tornei di preparazione agli US Open, hanno sorriso anche a Serena Williams. Ha vinto sia a Cincinnati che a Stanford. L'unica sconfitta è arrivata a Montreal, dove ha perso in semifinale. Quell'insuccesso però è arrivato contro la sorella Venus che, per varie ragioni familiari che non stiamo qui a spiegare, non può essere considerato un vero incontro.

"Non penso a quello che potrò fare", ha detto Serena riguardo alle sue possibilità di vincere gli US Open. "Non ho raggiunto i quarti di nessun torneo dello Slam quest'anno, e a questo punto della stagione, sto già pensando al prossimo anno".

Non credete a una sola parola di quello che ha detto. E' tutta pretattica da parte della n°1 americana. E' assolutamente la favorita nel tabellone femminile di quest'anno a New York.